Come usare il condizionatore: 9 consigli utili

Breve guida di 9 consigli utili su come risparmiare denaro e guadagnare in salute nell’uso del condizionatore.

Come usare il condizionatore” è un breve elenco di consigli per migliorare la vita.
In casa o in ufficio, non riesci a fare a meno del climatizzatore?
Nell’uso sbagliato dell’aria condizionata ci sono due problemi: spreco di denaro e danni alla salute.
Il condizionatore è un elettrodomestico che consuma molta energia.
L’aria gelata può portare bronchiti, tosse, asma, dolori muscolari ed articolari.

come usare il condizionatore

 

Vuoi allora sapere come scegliere e come usare il condizionatore?

Scegli solo condizionatori in classe energetica A o superiore e con tecnologia Inverter.

Ridurre i costi della bolletta di casa. La tecnologia ad inverter adegua la potenza all’effettività necessità e riduce i cicli di accensione e spegnimento.

Il climatizzatore tipo split va collocato nella parte alta della parete.

Non coprire il condizionatore con mobili, divani oppure tende. Creeresti una barriera che bloccherebbe la diffusione dell’aria fresca.

Imposta la temperatura desiderata a due o tre gradi in meno rispetto alla temperatura esterna. Quando esci da una casa trasformata in ghiacciaia, la differenza di temperatura crea traumi al cuore e ai polmoni. Frequenti sono anche le vertigini e gli svenimenti.

Evita il flusso d’aria diretto. Il flusso dell’aria non deve colpire direttamente gli utenti presenti nel locale. L’aria fredda può creare dolori muscolari e articolari.

Prediligi la funzione deumidificatore. L’umidità presente nell’aria fa percepire una temperatura molto più alta di quella reale. Deumidificando già si prova una sensazione di maggior benessere. Il grado di umidità relativa ideale è compreso tra il 40 e il 60%.

Non lasciare porte e finestre sempre aperte ma non rinunciare ad arieggiare periodicamente la stanza. Il ricambio dell’aria viziata evita cattivi odori e con una maggiore quantità di ossigeno nell’aria ci si sveglia più riposati. 

I filtri devono essere puliti almeno ogni due settimane. Possono annidarsi muffe e batteri dannosi alla salute.

Pulizia e manutenzione dell’impianto: fai controllare tutti gli anni l’impianto ad un tecnico certificato. Ecco l’offerta di Quellidicasa.

 

Menu