Come sfiatare radiatori che non scaldano o fanno rumore? Come capire se serve e come spurgare bene i termosifoni

Aria nei radiatori: da cosa me ne accorgo? Quali sono i sintomi?

Credi di dover sfiatare i radiatori? I termosifoni non scaldano? Fanno strani rumori?

Se hai uno o più caloriferi che non scaldano potresti avere uno di questi due problemi:

Hai una cattiva distribuzione del calore nell’impianto.


Sono presenti bolle d’aria che ostacolano la circolazione dell’acqua calda.

Queste bolle possono provocare fastidiosi gorgoglii di acqua. Non consentono al radiatore di scaldarsi uniformemente.

Togliere le eventuali bolle d’aria sfiatando i radiatori fa risparmiare in bolletta.

Questi consigli valgono per sfiatare termosifoni sia verticali, che orizzontali, anche per sfiatare gli scaldasalviette

 

Aria nei termosifoni: come sfiatare i radiatori in un impianto di riscaldamento autonomo?

Prima di iniziare a spurgare i caloriferi controlla che la caldaia sia spenta, spegnila dall’interruttore.

Apri il rubinetto per il caricamento d’acqua della caldaia. Generalmente si trova nella parte bassa.

La lancetta del manometro deve salire senza mai superare i 2,5 Bar di pressione.

foto manometro pressione acqua impianto da controllare prima di sfiatare radiatori dall'aria presente nell'impianto

Prima di sfiatare radiatori accertati che le valvole di mandata e ritorno siano aperte.

foto valvola termo da chiudere prima di sfiatare radiatori dall'aria presente nell'impianto

Prendi un recipiente come un secchio o un catino.

Apri lo sfiatino dell’ultimo termosifone, quello più lontano dalla caldaia: fai uscire anche 10-15 litri di acqua perché le bolle d’aria dell’impianto non stanno solo nella parte alta del radiatore, potrebbero benissimo essere ancora al centro, in basso o addirittura dentro le tubazioni.

foto termosifone con sfiatino per sfiatare aria impianto

Esegui questa operazione di spurgo aria su tutti i caloriferi della casa, sia con i termosifoni che non scaldano, sia con quelli efficienti.

Presta attenzione che la pressione della caldaia non scenda mai sotto 1 Bar. In questo caso smetti di sfiatare i termosifoni e ricarica la pressione. Puoi farti aiutare da una seconda persona che sorvegli il manometro.

A operazione conclusa, porta la pressione dell’impianto tra 1 e i 2 Bar e accendi la caldaia in riscaldamento.

Imposta il termostato alla massima temperatura.

Controlla se tutti i caloriferi si scaldano uniformemente, non devono esserci parti di superficie fredde.

Se non hai pienamente risolto, ripeti l’operazione.

Mediamente i radiatori più alti sono quelli con più aria da spurgare. Dedicaci più attenzione.

 

Spurgo aria dall’impianto termo – Con quale periodicità sfiatare i radiatori?

Cerca di eseguire lo spurgo dell’aria dai caloriferi almeno una volta l’anno, meglio se all’inizio della stagione
fredda.

Un impianto di riscaldamento efficiente fa risparmiare sulla bolletta del gas.

 

OK, ho imparato come sfiatare i termosifoni. Cosa faccio se i radiatori ancora non scaldano?

Se, nonostante lo spurgo dell’aria, il problema dei termosifoni che non scaldano persiste, il guasto potrebbe essere un altro. Potrebbe esserci una piccola perdita dovuta da un tubo dentro al muro o da una guarnizione usurata.

Un’altra causa potrebbe essere un trafilamento in caldaia: questo è il nostro servizio per la manutenzione ordinaria.

Le perdite occulte nell’impianto di riscaldamento non sono sempre visibili a occhio nudo e col tempo possono creare gravi problemi.

 

In questo caso chiama subito il numero verde gratuito 800 97 43 79, ti risponde la sede dei tecnici di Venezia Mestre.

numero verde 800974379 per mobili bagno a chirignago mestre venezia

Oppure compila i campi qui sotto.

Verrai ricontattato da un professionista sinceramente interessato alle tue ambizioni e necessità. Non riceverai pubblicità sgradite.

Il tuo nome

La tua email

Il tuo telefono

La tua città

Il tuo messaggio

Ho letto l’Informativa Privacy. Acconsento al trattamento dei miei dati personali. Spunto la casella di controllo per accettarla.

Menu